Il Dolby Surround 7.1 è un sistema audio composto da 8 canali, 4 posti dietro la tela di proiezione, in sala (Left, Center, Right, Subwoofer) e 4 canali Surround in sala (Left, Back Left, Back Right, Right).

I canali Left, Center, Right sono quelli principale attraverso i quali viene riprodotta la maggior parte dell’informazione audio, in particolare nel canale Center si trova il dialogo dei contenuti.

I canali Surround, servono per riprodurre tutti i rumori fuori campo (quelli di oggetto od azioni non presenti sul video) ma che contribuiscono alla scena.

Il subwoofer (LFE) ha il compito di riprodurre le basse frequenze, generalmente sotto i 100 Hz.

Nuovi Subwoofer per un’esperienza unica!

Abbiamo rinnovato i nostri subwoofer per rendere ancora più coinvolgente e corposo l’audio dei film!
L’impianto aggiornato con coni da 21″ ha una potenza di 2400W e un picco di 7000W.

Vogliamo stupirvi! Sempre!

Il Digitale 3D è un sistema che, attraverso una serie di accorgimenti, permette di aggiungere alle immagini che siamo abituati a vedere sullo schermo il senso di profondità: la terza dimensione. Grazie al Digitale 3D – possibile solo con il sistema di proiezione digitale 2K (senza la pellicola) – lo spettatore potrà dunque farsi avvolgere dalle immagini ed entrare letteralmente nel film.
La visione in 3D si ottiene con la proiezione di un’immagine doppia: una per l’occhio sinistro e una per il destro, che sovrapposte vengono percepite dal cervello come una terza dimensione creando così la sensazione di profondità. Se un tempo ciò si realizzava incrociando la luce di 2 proiettori, ora ne basta uno che, da solo, alterna le immagini alla velocità di 144 fotogrammi al secondo (6 volte di più rispetto ai comuni film).
L’odierno 3D non ha nulla a che vedere con i vecchi occhialini in cartone con le lenti colorate. Regolato in questo modo, l’effetto tridimensionale non risente di difetti come il disallineamento spaziale o temporale delle 2 immagini e l’eccessivo affaticamento degli occhi.

I nuovi “occhiali RealD, confezionati e sigillati singolarmente” per garantire sempre un adeguato livello di igiene, sono disponibili per adulti, bambini e clip-on per occhiali da vista.
Di seguito è riportato un video informativo che spiega il principio di funzionamento per ottenere immagini in 3D e un secondo video sui diversi tipi di occhiali.

Il proiettore NEC NC2000C

La cabina di proiezione è il cuore tecnologico del Cinema Nuovo Sovico e permette di proiettare film in formato 2D e 3D in alta risoluzione (2K) attraverso sistemi di ultima generazione.
Progettato per sale con schermi fino a 20 metri di larghezza, il proiettore DLP NC2000C affascina il pubblico con immagini video nitide 2D e 3D, Flat o Scope, con luminosità assicurata di 18.300 lumen, utilizzando una lampada 4,0KW ad alto rendimento. Con l’utilizzo del 3DLP® Cinema Technology, Texas Instruments rende eccezionale la qualità d’immagine e di colore con fattori di contrasto di 2200:1 o superiori utilizzando DMD chips che sopportano una risoluzione 2K di 2048 x 1080.
Questo proiettore riproduce in modo esatto sorgenti d’ingresso digital cinema ad alta definizione che richiedono una riproduzione colore superiore ed un’ampia gradazione.
Il NEC NE2000C Regola automaticamente la luminosità della lampada per minimalizzare le fluttuazioni che si presentano durante la vita della stessa. Grazie a questo sistema il livello di luminosità non diminuirà durante la vita della lampada.

Tecnologia 3DLP

Cos’è la tecnologia 3DLP di Texas Instruments?
Il Digital Light Processing (o DLP nell’acronimo inglese) è una tecnologia che sfrutta un semiconduttore ottico per manipolare la luce digitale. Il microchip DMD (Digital Micromirror Device) è ricoperto di milioni di specchi che si muovono indipendentemente l’uno dall’altro e si accendono o spengono per ricreare la giusta immagine: sono così in grado di rappresentare al meglio ciascun pixel. Il risultato è una qualità di visione superiore alla tecnologia LCD ed un alto rapporto di contrasto. Nei sistemi a 3 chip (3DLP) la luce della lampada attraversa un prisma scomponendosi nei 3 colori primari.

Ogni chip riceve un solo un colore, modella l’intensità luminosa di ogni pixel ed invia, combinandosi con gli altri quanto riprodotto. Questo permette di visualizzare immagini ad altissime risoluzioni senza la perdita di luce come avviene nei sistemi DLP singoli a causa del limite imposto dalla ruota colori.
Il video sotto (in inglese, sottotitolato) riporta nel dettaglio la suddetta tecnologia: